Cerca una pianta

Kaki

Il Diospyros kaki, comunemente chiamato kaki o caco è un albero da frutto piuttosto longevo.

Kaki
Gli alberi possono raggiungere altezze notevoli, fino a 18 – 20 metri, le foglie sono grandi, ovali, glabre e lucenti, caduche, molto spesso cadono prima della raccolta dei frutti.
Il frutto è una bacca di colore arancione, succosa o soda, con 0-8 semi che si può sviluppare anche senza la fecondazione dei fiori.

AMBIENTE

Il kaki mal sopporta il freddo e le gelate tardive, inoltre zone ventose possono creare problemi ai rami in fase di fruttificazione creando un’eccessiva sollecitazione meccanica. Si adatta bene a quasi tutte le tipologie di terreno, preferisce tuttavia terreni sciolti, ben drenati (l’eccesso idrico provoca marciume) e con salinità non eccessiva.
Il kaki è tipico di ambienti temperato-caldi anche se vi sono forti differenze varietali. L’irrigazione è poco praticata, tuttavia migliora la pezzatura dei frutti e le condizioni della pianta in periodi siccitosi. La raccolta si esegue nel periodo tra ottobre e novembre e deve considerare il completo viraggio della buccia al colore giallo/arancio. Se gustato non ancora maturo, può provocare la classica sensazione da “bocca legata”.

NUTRIZIONE E BELLEZZA

Si consiglia di somministrare sostanza organica durante le lavorazioni autunnali o primaverili.
In primavera è bene fornire un concime che contenga azoto, fosforo e Potassio. La concimazione dovrà essere spostata verso la componente azotata.
All’inizio dell’autunno, prima della raccolta, si deve ripetere la concimazione favorendo fosforo e potassio per migliorare la qualità finale dei frutti.

Prodotti specifici consigliati
  • Parassiti
    Mosca della frutta
    Allo stato di larva danneggia i frutti scavando al loro interno delle gallerie, i Kaki raggrinziscono, marciscono e cadono precocemente.
    Prodotti specifici consigliati
    Oleoter PFnPE
    Olio di lino
    Propoli
  • Carenze
    Carenza di Azoto
    Le foglie si presentano di dimensioni ridotte e con una colorazione giallastra – aranciata, infine necrotizzano a partire dai bordi. La carenza si manifesta prima sulle foglie più basse per poi proseguire su quelle più alte della pianta.
    Prodotti specifici consigliati
    Azoto

Chiedi consiglio ai nostri esperti

Scopri quali prodotti usare per prenderti cura, al meglio, delle tue piante


Iscriviti alla newsletter

Campo di interesse

Dove acquistare i prodotti

Trova il punto vendita più vicino a te

Seguici

Segui i nostri canali social