L’importanza della nutrizione autunnale

L’importanza della nutrizione autunnale

Concime: quale, quanto e per quali piante

Le piante entrano in una fase di riposo: il minor numero di ore di luce induce al riposo vegetativo. Ma è proprio in questa fase che occorre pensare a migliorare e arricchire il terreno con la nutrizione autunnale, per renderlo generoso in vista della nuova stagione produttiva.

In giardino e in terrazzo, tutte le piante arbustive e arboree, incluso le conifere, meritano in autunno una nutrizione in grado di attivare la fertilità biologica del suolo, migliorando l’assorbimento degli elementi nutritivi. Ma prima di nutrire è importante ripulire il terreno intorno alle piante asportando le foglie cadute e i resti vegetali (frutti, bacche…) per evitare fenomeni di marcescenza. Poi è bene zappettare delicatamente per smuovere la crosta superficiale e favorire così non solo l’assorbimento del concime, ma anche la respirazione radicale e il drenaggio dell’acqua, riducendo il rischio di formazione di pozzanghere. Queste operazioni sono consigliate anche per le fioriere e i grandi vasi.

A questo punto si può spargere bene, in modo omogeneo, Cifo Top N, innovativo concime organico in microgranuli: ciascun microgranulo contiene un’elevata percentuale di aminoacidi e sostanze nutritive naturali che agiscono positivamente sulla fisiologia della pianta, promuovendo la formazione di nuove radici anche nella fase autunnale e invernale. La ricca presenza di azoto a lenta cessione garantisce una nutrizione idonea per questa fase stagionale, preparando le piante al successivo risveglio primaverile con rinnovata energia. Ottimo anche per il tappeto erboso.

Per siepi, conifere e piante verdi in genere, un prodotto particolarmente adatto per la nutrizione autunnale è Cifo concime a lenta cessione per piante verdi: utile per nutrire in modo continuo ed equilibrato per un periodo di 4 mesi. Il formulato contiene granuli ricoperti da una speciale membrana porosa (MCT™) che rilascia gli elementi nutritivi in maniera costante e graduale. Ricco di Azoto, è particolarmente indicato per la concimazione di piante verdi, cespugli e alberi ornamentali. Il preparato è utile anche per le piantumazioni autunnali di arbusti e alberi, perché fornisce alle radici nutrimento graduale che non genera stress e non causa eccessi di nutrimento, dannoso per la pianta che si avvia comunque al riposo invernale.

Ci sono però piante che proprio in inverno conoscono un momento di grande generosità: sono gli agrumi, che offrono il loro raccolto più generoso fra ottobre e marzo. In piena terra nelle zone a clima mite, e in serra o veranda dove l’inverno è freddo, gli agrumi richiedono un nutrimento su misura in autunno: Cifo concime granulare agrumi, consigliato anche per le acidofile (azalee, rododendri, camelie…). È  consentito in agricoltura biologica e, come nella tradizione, è a base di lupini macinati, ideale per tutti gli agrumi (limone, arancio, mandarino, pompelmo, clementino, cedro, kumquat…). Contiene azoto organico che viene rilasciato lentamente nel terreno così da supportare la crescita delle piante in modo ottimale migliorando inoltre le caratteristiche fisiche e biologiche del terreno, acidificandolo. Utilizzato regolarmente favorisce uno sviluppo rigoglioso delle foglie, dei fiori e dei frutti e consentirà di portare in tavola un vero tesoro di sapori mediterranei ricchi di valori nutritivi.