Cerca una pianta

Oleandro

Pianta ornamentale molto diffusa, per la bellezza della fioritura e per l’aspetto decorativo del fogliame sempreverde.

Oleandro
Ha foglie coriacee, lanceolate e fiori di vari colori. La fioritura avviene da giugno a settembre, secondo la zona climatica in cui si trova. Può essere coltivata sia in pieno campo nelle regioni meridionali, che in vaso, con la possibilità di ricovero, nelle regioni con rigide temperature invernali.

AMBIENTE

Si adatta sia a terreni aridi che umidi, non sopporta i ristagni idrici, predilige un pH neutro o sub-acido (pH 6-7). L’oleandro predilige l’esposizione in pieno sole ma cresce anche all’ombra, non sopporta temperature inferiori ai 5°C. Le annaffiature devono essere abbondanti durante tutto il periodo di crescita, mentre nel periodo invernale basta tenere umido il terreno del vaso. L’oleandro necessita di potature di formazione nelle piante giovani per infoltire la chioma, successivamente si faranno delle potature, dopo l’inverno, per eliminare i rami danneggiati dal freddo e stimolare la ripresa vegetativa e la fioritura che avviene all’apice dei germogli dell’anno. Si consiglia la rimozione delle cime fiorali dopo la fioritura, per incoraggiare lo sviluppo vegetativo.

DA SAPERE

Tutte le parti della pianta sono velenose se ingerite, sia dall’uomo che dagli animali, in quanto contengono delle sostanze (alcaloidi) che interferiscono con l’attività del cuore.

NUTRIZIONE E BELLEZZA

L’oleandro, sia in vaso che in piena terra, necessita di una buona matrice organica mescolata al terreno di coltivazione. Per favorire la fioritura e l’aspetto rigoglioso e folto dell’arbusto si possono utilizzare concimi granulari, da somministrare in primavera, e in prossimità della fioritura sino alla fine dell’estate, con l’aggiunta di un concime liquido a base di sangue di bue. Per aumentare la resistenza alle avversità climatiche e in caso di danni da freddo, fare dei trattamenti con concimi specifici che aiutano le piante debilitate.

Prodotti specifici consigliati

TRAPIANTO E RINVASO

La messa a dimora dell’oleandro si effettua da febbraio ad aprile. Se la pianta viene coltivata in vaso conviene rinvasarla ogni due anni, utilizzando un terriccio specifico per piante fiorite.

Chiedi consiglio ai nostri esperti

Scopri quali prodotti usare per prenderti cura, al meglio, delle tue piante


Iscriviti alla newsletter

Campo di interesse

Dove acquistare i prodotti

Trova il punto vendita più vicino a te

Seguici

Segui i nostri canali social