Cerca una pianta

Albicocco

L’albicocco è diffuso in Italia nelle regioni a clima mite: è un albero a fioritura precoce, che non sopporta le gelate tardive.

Albicocco
Alto fino a 7-8 metri, il diametro della chioma è tra i 4 e i 5 m. La chioma è tondeggiante, con foglioline ovali dai margini seghettati, sostenute da lunghi piccioli. I fiori, che sbocciano ai primi di marzo, sono composti da cinque petali bianchi bordati di rosa, mentre i frutti sono drupe globose e oblunghe, di colore arancione, con la polpa che si stacca dal nocciolo. L’albicocco può vivere fino a 50 anni: la prima fioritura si ha dopo circa 4 anni dalla messa a dimora, con i frutti che maturano tra maggio e luglio.

AMBIENTE

L’albicocco ha bisogno di ambienti temperati caldi con clima secco, dove non vi sia possibilità di gelate tardive che danneggiano i boccioli; ma il gelo invernale è necessario per non avere cascola delle gemme. Il terreno ideale è fresco e argilloso, ricco di sostanza organica; predilige posizioni soleggiate e al riparo da correnti fredde. La messa a dimora deve essere effettuata all’inizio dell’autunno o a fine inverno. Le annaffiature devono essere regolari, ogni 15-20 giorni. L’albicocco non sopporta le potature drastiche: si consiglia solo di diradare i rami, per eliminare quelli secchi e sfoltire i germogli dell’annata precedente, senza esagerare: i frutti crescono più grossi e colorati se si trovano in posizioni ombreggiate dalla chioma.

NUTRIZIONE E BELLEZZA

Concimare regolarmente con un fertilizzante in polvere ricco in azoto, distribuendolo al terreno con l’acqua di annaffiatura in 4-5 volte, per permettere alla pianta di assorbirlo gradualmente (l’eccesso di azoto provoca la produzione di legno debole); dalla formazione dei frutti fino alla raccolta concimare con un prodotto ricco in potassio.
In caso di stress ambientali (specialmente gelate tardive) si consiglia di intervenire con un concime a base di aminoacidi.
In caso di potatura o in presenza di ferite, utilizzare una pasta cicatrizzante.

Prodotti specifici consigliati
TRAPIANTO E RINVASO

Mettere a dimora la pianta in autunno, utilizzando terriccio universale mescolato con ammendante organico, per favorire l’attecchimento.

  • Malattie fungine
    Monilia
    Sui frutti provoca marciumi molli che si estendono fino al disfacimento di tutta la superficie; in una fase successiva il frutto si disidrata e mummifica. Sui rami si formano delle piccole tacche che evolvono in cancri; la parte distale del ramo collassa, i fiori si necrotizzano e le foglie si arrossano.
    Prodotti specifici consigliati

    Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/clients/client0/web2/web/cifols/wp-content/themes/FoundationPress-master/parts/singlePia-footer.php on line 87
    Oidio - Mal bianco
    Il mal bianco compare a tarda primavera sulle foglie e sui germogli, con macchie di colore chiaro su cui si forma una polvere biancastra; in corrispondenza delle macchie i tessuti necrotizzano assumendo un colore brunastro.
    Prodotti specifici consigliati
    Cifoblok
    Zolfo Flow
    Propoli
  • Parassiti
    Afidi
    Gli afidi si dispongono sulla pagina inferiore delle foglie. Producono una grande quantità di melata che provoca asfissia delle foglie , formazione di fumaggini e ustioni per via del suo effetto lente. Le foglie si deformano e cadono. Gli afidi possono anche essere veicolo di virus.
    Prodotti specifici consigliati
    Sapone molle
    Cocciniglia
    Le punture di questi insetti e l’emissione di saliva provocano: sui rami, arrossamenti a cui segue la necrosi dei tessuti; sulle foglie punteggiature necrotiche che conducono alla loro caduta; sui frutti, macchie con alone rossastre con al centro un punto grigio.
    Prodotti specifici consigliati
    Oleoter PFnPE
    Olio di lino
    Acari - Ragnetto rosso
    Piccoli ragnetti di colore rosso e arancione stanziati sulle foglie, alle quali provocano depigmentazione nei pressi delle venature e la successiva caduta.
    Prodotti specifici consigliati
    Oleoter PFnPE
    Olio di lino
    Propoli
    Tignole
    Lepidottero che attacca frutti e germogli scavando gallerie al loro interno. I germogli avvizziscono, i frutti emettono un grumo di gomma seguito da disfacimento molle, marciume e cascola.
    Prodotti specifici consigliati
    Oleoter PFnPE
    Olio di lino
  • Carenze
    Carenza di Ferro
    La carenza di ferro si manifesta con l’ingiallimento delle foglie nelle zone internervali: se progredisce, può condurre alla necrosi dei margini fogliari, alla caduta delle foglie o, nei casi estremi, alla morte della pianta.
    Prodotti specifici consigliati
    Ferro

Chiedi consiglio ai nostri esperti

Scopri quali prodotti usare per prenderti cura, al meglio, delle tue piante


Iscriviti alla newsletter

Campo di interesse

Dove acquistare i prodotti

Trova il punto vendita più vicino a te

Seguici

Segui i nostri canali social