Il mio peperoncino

peperoncino
Il peperoncino è una pianta erbacea annuale, coltivata sia a scopo alimentare che ornamentale, in vaso o in piena terra. Il ricco contenuto in vitamine A e C lo rende un ottimo acceleratore del metabolismo, oltre ad essere molto ricco in fibre. Segui i nostri suggerimenti per prendertene cura al meglio!

Che tipo di luce e clima?

icona_luce
Il peperoncino cresce al meglio in posizioni soleggiate, e non sopporta bene temperature troppo basse. Nei casi particolari di alcune specie (come il Rocoto) la pianta può sopravvivere anche a temperature vicine allo zero, ma in generale quando si scende al di sotto dei 15° è meglio spostare la pianta in un luogo protetto. Condizioni ottimali sono temperature comprese tra i 18 e i 30°, con tassi di umidità tra il 35% e il 60% Queste condizioni climatiche e di esposizione alla luce del sole, oltre che garantirne la buona crescita, permettono alla pianta di conservare l’aroma e il sapore piccante tipico dei peperoncini!

Quanta Acqua?

icona_acqua
La quantità di acqua dipenderà dall’esposizione al sole e dalla temperatura, ma l’attenzione principale dovrà essere rivolta all’umidità del terreno. Il peperoncino gradisce un terreno costantemente umido, per cui sono necessarie annaffiature frequenti con molta attenzione a non creare ristagni idrici, che sarebbero molto dannosi per le radici della pianta. È quindi fondamentale aspettare che il terreno si asciughi completamente prima di passare all’irrigazione successiva.

Che tipo di terreno?

icona_terra
Il peperoncino cresce bene con terreni fertili e sciolti, ben drenati e ben arieggiati, tendenzialmente sabbiosi. Un terriccio leggermente acido e con poca sostanza organica è ideale per la crescita di questa pianta, mentre terreni troppo alcalini porterebbero scompensi vegetativi e produttivi, oltre ad alterare il gusto delle bacche e ridurne molto la piccantezza. Il terriccio biologico Verde Urbano specifico per la coltivazione dei peperoncini è composto da una miscela di torbe di alta qualità, caratterizzate da un pH ideale per la crescita rigogliosa di tutte le varietà di peperoncini dolci e piccanti, sia in vaso che in piena terra. Questo terriccio contiene una percentuale di pomice per fornire il giusto livello di areazione e umidità, necessario per evitare compattamenti del suolo e ristagni idrici, favorendo così uno sviluppo sano e rigoglioso delle radici.

Che tipo di concime?

icona_concime
Nella coltivazione del peperoncino i concimi troppo ricchi in azoto andrebbero generalmente evitati, poiché porterebbero ad uno sviluppo molto rigoglioso della pianta ma con un calo drastico della produzione di bacche. I concimi più adeguati sono caratterizzati da basse quantità di azoto, ma quantità elevate di fosforo e potassio che aiutano a favorire la maturazione, e di microelementi. Se la pianta è stata già coltivata per più anni, nel momento della ripresa vegetativa di febbraio – marzo una buona concimazione azotata è invece consigliabile, per favorire la ripresa e la nuova crescita. Il concime biologico Verde Urbano specifico per tutte le specie di peperoncino è caratterizzato da un preciso rapporto tra elementi nutritivi e aminoacidi, oltre ad essere arricchito con zolfo, un elemento fondamentale per lo sviluppo di aromi intensi. Questo concime migliora il pH del terreno per una crescita rigogliosa di piante e frutti di peperoncino, favorendo la produzione di capsaicina e quindi aumentando il grado di piccantezza. Questo concime permetterà quindi di ottenere frutti saporiti e dal colore intenso, con un utilizzo pratico grazie ai micropellet pronti all’uso.

Quando si raccoglie?

icona_raccolta
Le nascite dei primi frutti iniziano verso fine aprile o inizio maggio, mentre la raccolta delle varietà commestibili avviene quando i frutti hanno raggiunto la maturità necessaria, solitamente in agosto-settembre o quando si ha un mutamento di colore. Il pericolo di raccolti che si spingono fino a settembre è il calo di temperature, soprattutto nel nord Italia, che rischia di provocare la morte della pianta. Per prevenire questo rischio è possibile seminare in anticipo, in modo da arrivare ai primi di maggio con piante già abbastanza sviluppate e pronte alla produzione.§ In questo modo, in condizioni ambientali favorevoli, è possibile avere due raccolti completi nella stessa stagione! I peperoncini infatti producono “a ciclo continuo”, quindi appena liberate dai frutti del primo raccolto fioriscono subito in modo massiccio e riparte un nuovo ciclo produttivo. Quindi con piante pronte per la prima fioritura a maggio, si può effettuare un primo raccolto a metà agosto e un secondo raccolto completo entro ottobre. In aree geografiche caratterizzate da un clima molto mite è possibile anche effettuare un terzo raccolto per Natale! Anticipare i tempi ha anche altri vantaggi: lo sviluppo iniziale dei frutti di peperoncino è infatti più difficile ad alte temperature. Riuscire quindi a far fiorire le piante entro giugno permette di ottenere risultati decisamente migliori, con un maggior numero di frutti. Dopo la raccolta i frutti possono anche essere essiccati, e in questo modo potranno essere conservati più a lungo nel tempo.

Per curare al meglio i tuoi Peperoncini

verdeurbano_logo
cifo-verde-urbano-prodotti

newsletter – not home – IT

Newsletter